Il Costo delle Finestre in PVC nel 2024

Il Costo delle Finestre in PVC nel 2024

costo-finestre-pvc

Quanto costa una finestra in PVC nel 2024?

Nel 2024, il mercato dei serramenti in PVC si presenta dinamico e influenzato da molteplici fattori economici e tecnologici. Le finestre in PVC continuano a essere una scelta popolare per i consumatori grazie alla loro efficienza energetica, durabilità e costi di manutenzione relativamente bassi. Tuttavia, il costo di queste finestre può variare significativamente in base a diversi elementi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali e future dei prezzi delle finestre in PVC.

1. Fattori che Influenzano i Prezzi
Il costo delle finestre in PVC è influenzato da vari fattori, tra cui:

Materie Prime: Le fluttuazioni nei prezzi delle materie prime, principalmente il PVC e il vetro, hanno un impatto diretto sui costi di produzione.
Innovazioni Tecnologiche: L’introduzione di tecnologie avanzate nel processo produttivo può aumentare i costi iniziali ma ridurre i costi a lungo termine grazie a maggiore efficienza energetica e minor bisogno di manutenzione.
Normative Ambientali: Le normative sempre più stringenti in termini di isolamento termico e impatto ambientale spingono i produttori a investire in soluzioni più sostenibili, influenzando i costi.

2. Tendenze del Mercato
Nel 2024, le tendenze del mercato indicano una crescente domanda di finestre in PVC ad alta efficienza energetica. Questo interesse è spinto dal desiderio dei consumatori di ridurre i costi energetici e di aumentare il comfort abitativo. Di conseguenza, i produttori stanno investendo in R&D per migliorare le prestazioni delle finestre PVC, il che potrebbe riflettersi in un aumento dei prezzi al dettaglio.

3. Previsioni dei Prezzi
Secondo le analisi di mercato, si prevede che i prezzi delle finestre in PVC nel 2024 rimarranno stabili ma con una leggera tendenza all’aumento dovuta all’inflazione e al costo crescente delle materie prime. Le finestre standard possono variare da circa €250 a €600 per unità, mentre modelli con specifiche superiori o personalizzazioni possono superare questi costi.

4. Consigli per i Consumatori
Per chi prevede di acquistare o sostituire finestre in PVC nel 2024, è consigliabile:

Comparare Preventivi: Ottenere preventivi da più fornitori per garantire un prezzo competitivo.
Valutare il Rapporto Qualità-Prezzo: Non scegliere solo in base al costo ma considerare l’efficienza energetica e la durabilità del prodotto.
Considerare Incentivi e Sconti: Sfruttare eventuali incentivi fiscali o sconti per l’efficienza energetica offerti a livello locale o nazionale.

Il mercato delle finestre in PVC nel 2024 offre opzioni variabili e prezzi influenzati da una serie di fattori esterni e interni. Mantenersi informati sulle tendenze di mercato e le tecnologie emergenti può aiutare i consumatori a fare scelte oculate che beneficeranno non solo il loro portafoglio ma anche l’ambiente.

Per dettagli e preventivi chiamaci senza impegno +39 02 37074398

tag: costo finestre in PVC, quanto costa una finestra in PVC

Proteggi la tua casa con Le Inferriate

Proteggi la tua casa con Le Inferriate

inferriate milano casa

Proteggi la tua casa con Le Inferriate

Se stai cercando un modo efficace per aumentare la sicurezza della tua casa a Milano e provincia senza comprometterne l’estetica, le inferriate sono la soluzione ideale che stavi cercando. Non solo offrono una protezione robusta, ma aggiungono anche un tocco di stile alla tua residenza.

Un Connubio tra Sicurezza e Eleganza

Le inferriate che propone Domis a Milano e provincia sono realizzate con materiali di alta qualità, garantendo resistenza e durabilità nel tempo. I materiali sono scelti attentamente per la loro robustezza, offrendo una barriera eccellente contro intrusioni indesiderate. La loro struttura solida si fonde armoniosamente con l’architettura della tua casa, creando un connubio tra sicurezza e eleganza.

Design su Misura per la Tua Casa

La versatilità delle inferriate che installiamo consentono un design su misura per soddisfare le esigenze specifiche della tua abitazione. Dimentica l’idea che la sicurezza debba compromettere lo stile; queste inferriate sono disponibili in una gamma di modelli e finiture che si integrano perfettamente con l’estetica della tua casa.

La Sicurezza è la Priorità

La sicurezza della tua famiglia e del tuo patrimonio è al centro di ogni decisione che prendi per la tua casa. Con le inferriate che noi di Domis installiamo a Milano, nell’interland, in provincia di Varese e Como, nonché in buona parte del nord Italia, puoi dormire sonni tranquilli sapendo che hai una barriera affidabile che protegge ciò che ami di più. L’installazione professionale garantisce che ogni inferriata sia saldamente ancorata, offrendoti una protezione che va oltre l’apparenza.

Innovazione e Tecnologia al Servizio della Sicurezza

Le inferriate non sono solo sinonimo di stile, ma anche di innovazione. Grazie alla tecnologia avanzata impiegata nella loro realizzazione, queste inferriate offrono una protezione superiore senza compromettere la visibilità o la ventilazione della tua casa.

Se stai cercando le migliori inferriate Milano, sei nel posto giusto. Le inferriate che proponiamo ai nostri clienti (di marka AEK) non solo soddisfano gli standard più elevati in termini di sicurezza e design, ma sono anche la scelta ideale per coloro che cercano un prodotto di qualità. Garantiamo non solo la protezione della tua casa, ma anche un tocco di stile italiano che renderà la tua residenza unica.

Investi nella sicurezza e nell’eleganza con le inferriate. Contattaci oggi stesso per una consulenza personalizzata e scopri come possiamo trasformare la tua casa in un rifugio sicuro e alla moda.

Per dettagli e preventivi chiamaci senza impegno +39 02 37074398
tag: inferriate per finestre milano, inferriate milano, preventivi inferriate milano
Allagamenti a Milano. Come proteggersi?

Allagamenti a Milano. Come proteggersi?

allagamenti milano
Allagamenti a Milano. Come proteggersi?

A Milano e interland, allagamenti e inondazioni sono piuttosto frequenti,  conseguenza di nubifragi vicino a fiumi e canali .  Ricordiamo su tutti Lambro,  Seveso e Olona.

La protezione contro gli allagamenti e le inondazioni comprendono più misure come l’impermeabilizzazione, la sistemazione delle pompe di drenaggio, la buona conoscenza delle regole di evacuazione, l’attenzione alle previsioni meteriologiche, avere una bella assicurazione e diverse altre misure anche a livello comunitario.

Molto efficace per proteggere la propria famiglia e i propri beni è l’installazione di barriere antiallagamento, paratie, porte stagne e cancelli antiallagamento, dispositivi di protezione progettati per ridurre il rischio di danni causati da inondazioni e allagamenti. La loro utilità può essere rilevante in aree soggette a inondazioni, come quelle in prossimità dei fiumi Olona, Seveso e Lambro a Milano. Ecco alcune ragioni per cui questi dispositivi possono essere utili:

  • Prevenzione dei danni: Le barriere antiallagamento sono progettate per impedire l’ingresso dell’acqua nelle aree a rischio, proteggendo edifici, infrastrutture e beni da danni causati da inondazioni.
  • Protezione delle persone: Riducendo l’accesso dell’acqua alle aree abitate, queste strutture contribuiscono a proteggere la vita e la sicurezza delle persone.
  • Minimizzazione degli impatti economici: Le inondazioni possono causare danni significativi alle proprietà private e pubbliche, nonché alle attività commerciali. Le barriere antiallagamento possono contribuire a ridurre gli impatti economici associati a tali eventi.
  • Riduzione della necessità di evacuazione: Se efficaci, queste misure possono ridurre la necessità di evacuare intere aree durante eventi di inondazione, contribuendo a mantenere la continuità delle attività e della vita quotidiana.

Inoltre in una strategia a livello comunitario queste protezioni possono essere inserite in misure quali:

– Pianificazione del territorio: L’installazione di queste strutture può essere parte di una strategia di pianificazione del territorio per gestire e mitigare i rischi di inondazione nelle aree a rischio.

– Compliance normativa: In alcune zone a rischio, la presenza di dispositivi di protezione contro le inondazioni potrebbe essere richiesta dalle normative locali o nazionali.

Noi di Domis Serramenti proproniamo soluzioni antiallagamento per ogni esigenza!

Per dettagli e preventivi chiamaci senza impegno +39 02 37074398
Risparmio energetico coi serramenti

Risparmio energetico coi serramenti

finestra-risparmio-energetico
Quali sono i serramenti migliori per il risparmio energetico? Quale materiale scegliere?

Una delle domande che ci si pone prima di acquistare delle finestre, ma anche porte d’ingresso, porte finestre ecc. è riferita al risparmio energetico. Quanto trattiene il calore la mia finestra e quanto impedisce che il freddo entri in casa?   Qual è allora il materiale migliore? Finestre in PVCAlluminio o Legno?

Questa è uno dei quesiti più frequenti in chi acquista finestre per la propria casa. Certo anche il design e la funzionalità sono importanti, ma insieme a quest’ultimi il risparmio energetico è una priorità.

La scelta del materiale per i serramenti dipende da diversi fattori, e ciascun materiale ha i suoi pro e contro in termini di efficienza energetica. Tuttavia, in generale, i serramenti in PVC e legno sono spesso considerati migliori per il risparmio energetico rispetto all’alluminio. Ecco una panoramica dei vantaggi e degli svantaggi di ciascun materiale:

  1. PVC (Policloruro di Vinile):
    • Vantaggi:
      • Buona resistenza termica.
      • Bassa conducibilità termica.
      • Minima manutenzione richiesta.
      • Buona tenuta all’aria e all’acqua.
    • Svantaggi:
      • Esteticamente meno flessibile rispetto al legno.
      • Può scolorire con il tempo a causa dell’esposizione alla luce solare.
  2. Legno:
    • Vantaggi:
      • Eccellente resistenza termica.
      • Aspetto estetico tradizionale e flessibilità di design.
      • Bassa conducibilità termica.
    • Svantaggi:
      • Richiede manutenzione regolare, come verniciatura o trattamenti per preservare la durata.
      • Costi potenzialmente più elevati rispetto ad alcuni altri materiali.
  3. Alluminio:
    • Vantaggi:
      • Robusto e durevole.
      • Design moderno e sottile.
      • Richiede meno manutenzione rispetto al legno.
    • Svantaggi:
      • Alta conducibilità termica, rendendolo meno isolante.
      • Potenziali problemi di condensa.
  4. Alluminio con Taglio Termico:
    • Vantaggi:
      • Migliorata resistenza termica rispetto all’alluminio tradizionale.
      • Design moderno.
    • Svantaggi:
      • Potrebbe essere più costoso rispetto all’alluminio standard.

In generale, se l’obiettivo principale è il risparmio energetico, il PVC e il legno tendono ad essere scelte preferite. Tuttavia, l’efficienza energetica dipende anche da altri fattori, come il design delle finestre, la qualità dell’installazione e l’uso di vetri isolanti. Consultare un esperto del settore e prendere in considerazione le specifiche esigenze della propria abitazione può aiutare a fare la scelta migliore in termini di efficienza energetica e prestazioni complessive.

 

Per dettagli e preventivi chiamaci senza impegno +39 02 37074398
Bonus barriere architettoniche

Bonus barriere architettoniche

finestre-scorrevoli
AVVISO IMPORTANTE: Con il 2024 il Bonus Barriere architettoniche non è più disponibile per gli interventi su Finestre e Porte.

 

Incentivo del 75% per la rimozione delle barriere architettoniche tramite il bonus infissi e serramenti

Un nuovo incentivo è stato confermato per abbattere le barriere architettoniche: il bonus infissi e serramenti del 75%. Questo programma mira a favorire la sostituzione di infissi e serramenti al fine di rendere gli edifici condominiali e privati accessibili a tutti. Questo bonus è possibile ottenerlo quando questi elementi non sono progettati correttamente e possono diventare ostacoli all’accessibilità e alla mobilità.

Il bonus infissi e serramenti è parte di un più ampio sforzo per eliminare le barriere architettoniche, consentendo l’accessibilità senza complicazioni in ogni ambiente.

Le spese sostenute possono essere recuperate attraverso una detrazione fiscale in 5 anni con possibilità di finanziamento.

In questo articolo, esamineremo il funzionamento del bonus infissi e serramenti del 75%, le circostanze in cui può essere utilizzato e le caratteristiche che gli infissi devono possedere per essere conformi all’incentivo, oltre ad essere confortevoli ed accessibili.

In cosa consiste il bonus barriere architettoniche 75% valido anche per infissi e serramenti

Il bonus barriere architettoniche del 75% offre la possibilità di detrarre fino al 75% dei costi sostenuti per interventi finalizzati all’eliminazione degli ostacoli alla mobilità e al miglioramento dell’accessibilità di arredi e attrezzature.

Questo beneficio è disponibile per cittadini, imprese, enti pubblici e privati ed è stato esteso fino al 2025.

Tra i lavori agevolati rientrano anche gli infissi, a condizione che l’intervento sia conforme al D.M. 236/1989, che stabilisce le prescrizioni tecniche necessarie per garantire l’accessibilità, l’adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e delle residenze pubbliche, al fine di superare ed eliminare le barriere architettoniche.

Ciò significa che è possibile ampliare una porta d’ingresso o sostituire infissi che presentano difficoltà di accesso e utilizzo con prodotti più adatti alle esigenze di tutti.

Chi può richiederlo

Il bonus barriere architettoniche può essere utilizzato da persone fisiche, enti e imprese che ne facciano richiesta, a condizione che gli interventi proposti mirino alla rimozione degli ostacoli alla mobilità.

È importante sottolineare che il diritto al bonus non è limitato alla presenza di persone disabili o anziane nell’edificio. Chiunque può richiederlo al fine di rendere la propria abitazione priva di barriere e adatta a qualsiasi tipo di mobilità.

Quali sono le barriere architettoniche in questo ambito?

Le barriere architettoniche che ostacolano la mobilità possono assumere diverse forme:
a) Ostacoli fisici che creano disagio per tutte le persone, specialmente coloro che hanno una capacità motoria ridotta, sia permanente che temporanea. b) Ostacoli che limitano o impediscono l’uso corretto di parti, attrezzature o componenti. c) Assenza di segnalazioni e indicazioni che facilitano l’orientamento e la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti di pericolo, soprattutto per le persone non vedenti, ipovedenti e sorde.
Gli infissi e serramenti possono creare ostacoli alla mobilità e all’accessibilità. In certi casi l’utilizzo di nuovi infissi progettati con attenzione possono eliminare le barriere architettoniche.
Un esempio possono essere  finestre che presentano maniglie posizionate troppo in alto rispetto al pavimento, oppure  casi di porte affacciate su balconi con un telaio a terra troppo spesso (alto), che costituisce un vero ostacolo per le persone disabili o anziane con mobilità limitata agli arti inferiori.
Altre situazioni in cui gli infissi e serramenti diventano un impedimento all’accessibilità includono persiane o scuri difficilmente raggiungibili per l’apertura e la chiusura, tapparelle o avvolgibili con un peso che rende difficile il sollevamento, porte interne di dimensioni limitate e porte d’ingresso a due ante che causano difficoltà nell’aprire l’anta secondaria.

Caratteristiche infissi per usufruire del bonus barriere architettoniche?
Per usufruire del bonus infissi e serramenti del 75%, i nuovi infissi devono essere conformi ai requisiti del D.M. 236/1989. Le porte e le finestre devono essere facilmente utilizzabili, con meccanismi e parti mobili accessibili e facili da manovrare. Le porte d’ingresso devono avere un’apertura libera di 80 cm, mentre le altre porte dovrebbero essere di almeno 75 cm. Le maniglie devono essere posizionate tra 85 e 95 cm. Per le finestre, le maniglie o i sistemi di comando dovrebbero trovarsi tra i 100 e i 130 cm, e gli angoli delle ante devono essere sicuri. Le ante stesse devono essere facilmente utilizzabili.
Il bonus infissi e serramenti del 75% copre non solo i costi per l’eliminazione delle barriere architettoniche, ma anche le spese necessarie per completare l’intervento.

Quali sono i limiti di spesa?
I massimali di spesa per il bonus infissi e serramenti del 75% sono i seguenti:
50.000 euro per edifici unifamili
o unità immobiliari all’interno di edifici plurifamiliari con accesso autonomo e funzionalmente indipendenti.
40.000 euro per unità immobiliari in edifici con da 2 a 8 unità abitative.
30.000 euro per unità immobiliari in edifici con più di 8 unità abitative.
La detrazione del bonus infissi e serramenti del 75% copre fino al 75% delle spese sostenute. Tale detrazione viene ripartita in 5 quote annuali ed è necessario avere un’adeguata capacità IRPEF o IRES per poterla sfruttare al meglio.

Per dettagli e preventivi chiamaci senza impegno +39 02 37074398
Detrazioni fiscali serramenti.

Detrazioni fiscali serramenti.

detrazioni fiscali serramenti
DETRAZIONI FISCALI SERRAMENTI

Continua la possibilità di usufruire delle detrazioni fiscali del 50% sugli interventi di ristrutturazione per la tua casa. Con Domis hai anche la possibilità di finanziamento.

E’ piacevole quando d’inverno, arrivi a casa la sera, stanca (o stanco), ti siedi sul divano e senti il confort domestico e il tepore di un ambiente caldo, anche grazie a porte e finestre che non lasciano passare il freddo.

Sostituire porte e finestre è il modo più rapido ed efficiente per tagliare la bolletta energetica e migliorare la qualità della vita all’interno della casa.

Vivere meglio e risparmiare. Una buona formula non credi?

Le modalità per usufruire dell’incentivo sono sempre le stesse: pagamenti con bonifico bancario (o postale), rimborso Irpef in 10 anni, sempre con rate di eguale importo.

Chi può beneficiarne?
proprietari di immobili, inquilini o sublocatori; l’importante è che sia questa persona ad effettuare le spese e a disporre i bonifici e che la fattura sia a lui intestata.

Mi chiedo se hai mai pensato che il sistema migliore per tagliare le spese della tua casa sia proprio quello di avere finestre e porte con bassa trasmittanza termica.
Il risparmio energetico passa dalla qualità degli infissi che, sopratutto in inverno, ti possono far risparmiare in bolletta.

Ma cos’è la trasmittanza termica?
è un valore che dev’essere indicato sulla scheda tecnica dell’articolo
con la lettera ‘U’, che precede un valore numerico relativo al flusso di calore medio per metro quadro che passa attraverso la superficie della finestra quando tra l’ambiente interno e l’ambiente esterno esiste un gradiente di temperatura. Unità di misura per la trasmittanza termica è il W/m² K.

Perché è importante la trasmittanza termica?
In sostanza avrai intuito che più è basso questo valore e maggiore è l’isolamento termico che ottieni e quindi il risparmio energetico. Per questo è molto utile confrontare gli infissi in base a questo parametro.

Per tutti i dettagli e le informazioni puoi chiedere al nostro personale: +39 02 37074398